giovedì 18.12.2014
caricamento meteo
Sections

Community Network dell'Emilia-Romagna

La Community Network Emilia-Romagna (CN-ER) rappresenta lo strumento identificato dagli Enti dell’Emilia-Romagna per favorire lo sviluppo della società dell’informazione. Aderendo alla CN-ER le istituzioni presenti sul territorio regionale scelgono di collaborare e condividere i propri saperi, generando un patrimonio condiviso di esperienze e conoscenze funzionali all’erogazione di servizi evoluti per operatori della Pubblica Amministrazione, cittadini, imprese e professionisti


Cosa fa la Regione

logo CN-ER

Nella Legge regionale n. 11 del 2004 sullo sviluppo della società dell’informazione in Emilia-Romagna la Community Network dell'Emilia-Romagna rappresenta il modello interistituzionale concepito per consentire a tutti gli Enti emiliano-romagnoli di disporre dei medesimi strumenti, vantaggi ed opportunità offerti dall’ICT in funzione dell’avvio, dello sviluppo e del dispiegamento dei processi di e-government. Nello specifico, la Legge all’art. 6 rafforza il ruolo della CN-ER, come organizzazione e modalità di collaborazione tra Regione ed Enti locali per l'attuazione degli interventi e misure previsti dalla Legge stessa.

Progetti e azioni di dispiegamento sono contenuti nella programmazione regionale in materia, il Piano Telematico dell’Emilia-Romagna (PiTER). La CN-ER rappresenta pertanto l’ambito entro il quale dare attuazione agli obiettivi contenuti nel Piano Telematico dell'Emilia-Romagna (o Agenda digitale regionale) e nelle Agende digitali locali, nonché per realizzare, porre in esercizio e gestire politiche di sistema.

Il principio ispiratore su cui si basa la CN-ER è quello di “fare sistema” tra gli Enti locali per poter mantenere – e possibilmente aumentare – il buon livello di coesione territoriale raggiunto in questi anni. Per “fare sistema” è indispensabile ideare, progettare e dispiegare i servizi in costante e fattiva collaborazione tra tutti gli Enti locali tra loro, tra i singoli Enti locali e la Regione Emilia-Romagna e tra il sistema regionale e quello nazionale. Per farlo è necessario tenere conto e valorizzare il peculiare patrimonio di pratiche e conoscenze di cui ogni singolo ente locale è depositario ed è indispensabile avere infrastrutture che abilitano il lavoro comune, come la rete in banda ultra larga Lepida.

E proprio per rafforzare la sfera operativa della CNER, collegando in modo certo la dimensione infrastrutturale a quella dei servizi, che, con Delibera Regionale 518 del 2013 la Regione Emilia-Romagna ha trasferito a Lepida SpA il coordinamento operativo e le funzioni tecnologiche ed organizzative della Community Network Emilia-Romagna.

La CN-ER nasce ed opera quindi per garantire il fondamentale principio di equità ed al contempo valorizzare le vocazioni specifiche dei singoli territori. Dal punto di vista formale, ciò è possibile grazie ad una specifica convenzione approvata e sottoscritta dalla Regione e dagli Enti emiliano-romagnoli (Province, Comuni, Unioni di Comuni, ma anche Consorzi di Bonifica, Università, etc.), che ha per oggetto l’organizzazione e le modalità di collaborazione tra gli Enti.

Attraverso il Modello di Amministrazione Digitale della Regione Emilia-Romagna, gli Enti della regione operano per lo sviluppo continuo della Pubblica Amministrazione Digitale: si tratta di un modello fondato sulla cooperazione: non soltanto a livello tecnologico/applicativo, ma anche organizzativo e di creazione di un sistema a rete dove ciascun Ente è nodo fondamentale che contribuisce allo sviluppo complessivo del sistema.

Le Comunità Tematiche, da sempre struttura portante della CN-ER, sono nate per supportare il processo di innovazione e cambiamento verso l’Amministrazione Digitale nelle diverse dimensioni: tecnologica, organizzativa e culturale.

Sono il luogo della condivisione di saperi, esperienze e fabbisogni dei territori e della diffusione di standard e servizi comuni. Vi partecipano le persone che, operando all’interno degli Enti con una specifica formazione e competenza tecnica di materia, sono attori primi dei processi d’innovazione negli Enti e sul territorio.

Le Comunità Tematiche sono anche comunità di apprendimento non formalizzate: infatti sono luogo per lo scambio di conoscenze e saperi che contribuiscono a formare in modo continuo chi vi partecipa.

Per Approfondire

A chi rivolgersi

Direzione Generale Organizzazione, Personale, Sistemi Informativi e Telematica
Viale Aldo Moro 18   40127 Bologna
telefono: 051 527 52 91
email: dor@regione.emilia-romagna.it

Azioni sul documento
Pubblicato il 20/08/2013 — ultima modifica 04/12/2014

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali