Agenda Digitale
Agenda Digitale dell'Emilia-Romagna

Seguici su

Skip to content. | Skip to navigation

Sezioni

I progetti del Programma Operativo 2014 del PiTER

logo PiTERLinea Guida 1 – Diritto di accesso alle reti tecnologiche

  1. Contrasto al Digital Divide fino alle abitazioni e fino alle imprese – Net4All: consentire a tutti l’accesso alla banda larga.
  2. Connettività e Federazione per una scuola grande come la regione – SchoolNet: connettere le scuole alla rete Lepida con la previsione di ulteriori connessioni, aumentando il target di progetto a 220 scuole.
  3. Sistemi WiFi Federati – WiFed: dispiegare presso i Municipi della Regione apparati WiFi destinati alla connettività gratuita dei cittadini.
  4. Banda ultralarga – UltraNet: realizzare uno studio di fattibilità per l'introduzione della banda ultralarga.
  5. Datacenter regionali: realizzare due (su quattro) datacenter regionali offrendo agli Enti servizi IaaS (computing, storage, back-up), servizi PaaS (DB server con licenze Oracle) e servizi tradizionali (hosting e housing).

Linea Guida 2 – Diritto di acceso all’informazione e alla conoscenza

  1. Modello partecipato per Agende Digitali Locali in Emilia-Romagna - MADLER: definire formalmente delle priorità strategiche degli Enti locali in relazione alle priorità del PiTER (Agenda digitale regionale), dell’Agenda Digitale Italiana e dell’Agenda Digitale Europea.
  2. Punti Pane e Internet: promuovere azioni per l’inclusione digitale dei cittadini della Regione Emilia-Romagna, disponendo come facilitatori digitali della rete delle biblioteche e di Punti Pane e Internet che costituiscano un modello organizzativo stabile per una estensione futura dell'azione a tutto il sistema locale regionale.
  3. Pane e Internet 2011-2013: formare in 3 anni circa 10.000 cittadini e sensibilizzare associazioni, Enti pubblici, soggetti vari ad avviare percorsi formativi.
  4. Scuola@Appennino: mettere in rete le scuole di montagna attivandone e/o potenziandone la connettività internet e favorire l’introduzione di metodologie di insegnamento che sfruttino le potenzialità dell'ICT.
  5. Scuola Digitale: sostenere iniziative di innovazione della didattica digitale.
  6. Politiche partecipate in Emilia-Romagna - PO.PART: coinvolgere i cittadini nelle politiche regionali attraverso il web.
  7. Open Source e Riuso per la PA in Emilia-Romagna: creare una Comunità di esperti che sensibilizzi gli Enti del territorio regionale all’utilizzo del software open source, anche in relazione alla norma sul riuso.

Linea Guida 3 – Diritto di accesso ai servizi alla persona e ai servizi

  1. FSE e portale per l'accesso online ai servizi sanitari - FSE-PAOSS-ER: realizzare un unico portale di accesso ai documenti sanitari del cittadino ed ai servizi per prenotazione, pagamento e scambio della documentazione amministrativa
  2. Anagrafe immobiliare integrata e fruibile nella PA: diffondere la soluzione ACI: “Anagrafe Comunale degli Immobili” e iniziare la diffusione della soluzione ACSOR: “Anagrafe Comunale Soggetti Oggetti Relazioni”.
  3. Amministrazione digitale – FlowER: supportare gli Enti locali ad affrontare il tema della dematerializzazione utilizzando il Sistema DOC/ER.
  4. Sistema integrato per l’edilizia – SIEDER: diffondere presso gli Enti locali la soluzione sviluppata per la gestione ed il monitoraggio delle pratiche edilizie.
  5. Dispiegamento MAD (Modello di Amministrazione Digitale): promuovere, diffondere e dispiegare le componenti fondamentali e strutturali del MAD (affidate a Lepida Spa) incentivando gli interventi di integrazione delle soluzioni e dei servizi con le componenti fondamentali e strutturali del modello.
  6. Fascicolo unico del cittadino: rendere accessibile dal fascicolo del cittadino anche il fascicolo sanitario elettronico (FSE – PAOSS-ER).
  7. Fascicolo elettronico del cittadino del Comune di Ferrara: realizzare un unico punto di accesso ai propri dati e ai servizi erogati dal Comune accessibile da diversi dispositivi (PC, tablet, smart phone), mettendo a disposizione del cittadino tutte le informazioni che le fonti integrate nel Fascicolo Elettronico del Cittadino e nel DossiER possiedono su di lui. Integrare il fascicolo con il FSE nell’ottica di un unico punto di accesso anche tra amministrazioni diverse.
  8. Piattaforma Intercent-ER di intermediazione digitale: implementare la nuova piattaforma di intermediazione digitale.
  9. Implementazione del processo di e-procurement: estendere l’utilizzo del centro di interscambio per la fatturazione elettronica (NOTIER) alle altre Aziende Sanitarie, alla Regione e ad ulteriori Enti aderenti.
  10. Nuovi servizi alle imprese per i rinnovi dell’autorizzazione integrata ambientale e l’analisi di contesto - AIA-IPPC: evolvere ed attivare la gestione telematica dei rinnovi di autorizzazione AIA: Autorizzazione Integrata Ambientale.
  11. Circolarità regionale degli utenti delle biblioteche: rendere interoperabili le anagrafiche delle diverse biblioteche sul territorio regionale, al fine di consentire la reciproca riconoscibilità delle tessere bibliotecarie e delle credenziali di accesso distribuite da diverse biblioteche.
  12. Inform@L@Citt@: attivare un nuovo canale informativo dall’Amministrazione verso il cittadino-residente e non-residente con cui veicolare informazioni anche georiferite legate al luogo di residenza o di domicilio.

Linea Guida 4: accesso ai dati

  1. Open Data Emilia-Romagna - dati.emilia-romagna.it: pubblicare i dataset sul portale dati.emilia-romagna.it secondo opportune licenze aperte e predisporre le linee guida a supporto degli Enti locali.
  2. Consultazione dei dati anagrafici - ANA-CNER: agevolare la consultabilità e il reperimento delle informazioni anagrafiche detenute nelle banche di dati dei Comuni del territorio, dispiegando il sistema ANA-CNER (soluzione Accerta).
  3. Portale geografico della Regione Emilia-Romagna – Geoportale: evolvere il portale geografico della Regione Emilia-Romagna in ottica open data e prevedere il popolamento anche da parte degli Enti locali.
  4. Aggiornamento cooperativo del Database Topografico: aumentare la qualità e la gestibilità del dato geografico e standardizzare gli strumenti di aggiornamento del database topografico.
  5. Modello di amministrazione digitale: predisporre una metodologia e gli strumenti per l’implementazione del Modello di amministrazione digitale (PA digitale dematerializzata, interconnessa e cooperativa).
  6. Sperimentazione per l'integrazione delle informazioni sociali e socio sanitarie: costruire una visione unitaria del cittadino sul piano sociale, socio sanitario, socio educativo e abitativo.
  7. Applicazione open-linked data in materia di politiche giovanili: realizzare l’integrazione di basi dati eterogenee in materia di politiche giovanili, affinché sia interrogabile da parte dei soggetti interessati (funzionari politiche giovanili a livello regionale) tramite l’utilizzo di applicativi open-linked data.

Linea Guida 5: intelligenza diffusa sul territorio urbano

  1. Network videosorveglianza – VideoNet: migliorare il servizio di videosorveglianza verso i cittadini ed in capo ad un Ente. Diffondere la soluzione proposta.
  2. Monitoraggio ambientale – SensorNet: costruire una piattaforma di monitoraggio ambientale per la raccolta e la consultazione dei dati provenienti da differenti sensori e dispiegare la piattaforma sul territorio.
  3. Top apps per l'Emilia-Romagna – TappER: realizzare e sperimentare un sistema per la creazione veloce di applicazioni e definire linee guide relative all’utilizzo di app nella PA.
  4. Reti per il risparmio energetico – GreenNet: definire e sperimentare un modello che consenta un risparmio progressivo sulla spesa corrente per l’illuminazione pubblica.
  5. Gestione Informata della Mobilità dell’Emilia-Romagna – GiM-ER: migliorare l’attrattività del trasporto pubblico, realizzando strumenti per razionalizzarne la pianificazione, tra cui sistemi per il controllo del percorso degli autobus e "paline" intelligenti per l'informazione on time.
  6. Sistema di bigliettazione integrata della mobilità in Emilia-Romagna – MiMuovo: migliorare la qualità dei servizi offerti dai trasporti pubblici anche in un’ottica di integrazione fra le diverse tipologie di mobilità su tutto il bacino regionale, attraverso l'integrazione tariffaria su scala regionale.
  7. Un solo account per accedere a tutti i servizi on line - Sono Io: realizzare una piattaforma abilitante che semplifichi l’accesso ai servizi online esistenti e in fase di sviluppo, coinvolgendo anche soggetti privati.
  8. Sistema di monitoraggio video: svolgere, in condivisione con gli Enti interessati, il monitoraggio idraulico-idrogeologico in tempo reale in punti ritenuti critici sul territorio emiliano-romagnolo.

Materiali di riferimento

Azioni sul documento

ultima modifica 2017-04-03T15:59:00+02:00

Non hai trovato quello che cerchi ?