Chiusa la seconda edizione di AFTER futuri digitali a Reggio Emilia

Si è chiusa la seconda edizione di AFTER futuri digitali, il primo e unico festival dedicato alla trasformazione digitale della società contemporanea a Reggio Emilia, promosso da Regione Emilia-Romagna, Comune di Reggio Emilia, Agenda Digitale Emilia-Romagna, Fondazione Palazzo Magnani e Lepida S.p.A.

C’è sempre più voglia di digitale: di imparare a conoscerlo, di utilizzarne le potenzialità e scoprire tutte le ultime novità. Lo dimostra il grande successo di AFTER. Oltre ottomila persone si sono avvicendate tra i workshop, gli eventi, gli spettacoli e le aree espositive che per tre giorni, dal 19 al 21 ottobre, hanno animato Reggio Emilia trasformandola in un futuristico laboratorio di conoscenza ed esperienza.

Tanti i grandi ospiti protagonisti degli eventi durante la tre giorni “digitale”.

Sala del Tricolore piena in ogni ordine di posto per la lectio magistralis "IL NUOVO IO", tenuta dal filosofo, sociologo, psicoanalista, accademico e giornalista Umberto Galimberti, e tutto esaurito anche per l’evento che ha visto protagonista Salvatore Aranzulla, il giovane divulgatore informatico e fondatore di Aranzulla.it, blog con decine di milioni di visualizzazioni e la risposta su ogni quesito tecnologico, intervistato eccezionalmente dal sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi.

Risate e divertimento con il cruciverbone del maestro dell’enigmistica e giornalista Stefano Bartezzaghi, che, insieme al giornalista Sky Alessio Viola, ha introdotto il pubblico nel futuristico mondo del linguaggio digitale utilizzando proprio il cruciverba, uno dei giochi più “antichi”dell’enigmistica.

Dopo il lancio a Modena, lo scorso anno, questa edizione ha fatto registrare un aumento delle presenze ai tanti appuntamenti del ricco programma, con ospiti italiani e internazionali che hanno riempito le sale e le aree espositive dedicate alle Demo di ultima generazione. Il Festival è nato nell’ambito dell’Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna (ADER) con il sostegno della Regione Emilia–Romagna e del Comune di Reggio Emilia, con l’obiettivo principale di diffondere le conoscenze e le competenze nell’ambito delle tecnologie digitali.

 “Un successo oltre ogni aspettativa – ha dichiarato l’Assessore della Regione Emilia-Romagna con delega all’Agenda Digitale, Raffaele Donini - Il Festival dell'innovazione digitale After futuri digitali ha contato un elevato numero di presenze, grande entusiasmo e interesse. Siamo sicuri che l'innovazione sociale e tecnologica contribuisca alla crescita culturale, sociale ed economica del nostro territorio. Saremo la prima Regione che nel 2021 con tutti i suoi 328 comuni (compresi quelli montani) raggiunti dalla banda ultralarga, grazie ad un investimento di ben 255 milioni di euro. L’appuntamento è con la prossima edizione del Festival dell’Innovazione Digitale nel 2019 a Bologna”.

Grande partecipazione agli incontri e alle tavole rotonde dedicate alla diffusione ed evoluzione della BUL in Emilia Romagna al digitale, all’innovazione sociale e ai numerosi case history che rendono la Regione – e in particolare Reggio Emilia – fiore all’occhiello nel settore in Italia. La città nel cuore dell’Emilia è, infatti, apripista di percorsi e progetti per incentivare l’innovazione tecnologica, al vertice delle classifiche nazionali delle città più smart d’Italia. 

After ha dimostrato che c'è bisogno di rendere accessibile e un po' meno mitizzato l'ambiente digitale, mostrandolo, facendolo toccare, raccontandolo, aiutando le persone a capirlo e a usarlo, a conoscerlo non come un totem ma per quello che è, uno strumento, con i suoi punti di forza e di debolezza. Questo spiega la grande partecipazione che il festival ha avuto a Reggio Emilia – ha commentato l'assessora ad Agenda digitale e Partecipazione del Comune di Reggio Emilia Valeria Montanari - Qui il digitale ha trovato già terreno fertile, utenti di ogni età sempre più consapevoli ed abili nelle famiglie e nella scuola, comunità di quartiere che sviluppano progetti di rilievo europeo come Coviolo Wireless, compagnie teatrali che riescono a rappresentare il mondo–comunità digitale mettendoli in scena, così come applicazioni nella Sanità e nella Pubblica amministrazione o nell'Università, imprese avanzate e centri di ricerca, oltre a un bagaglio di investimenti rilevante e lavori avviati per l'impianto della Banda ultra larga.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/10/25 11:55:39 GMT+1 ultima modifica 2018-10-25T11:55:39+01:00

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina