Nuove tecnologie per l’emergenza: i servizi innovativi di Comuni e Unioni di Comuni

Videoconferenza, smart working, servizi online e altri progetti digitali: una ricognizione di ADER sulle attività realizzate durante la pandemia

Tra maggio e luglio 2020, L’Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna ha effettuato una rilevazione per monitorare le pratiche innovative basate sull’utilizzo delle tecnologie informatiche, tra cui procedimenti, servizi e attività, messe in atto dai Comuni e dalle Unioni di Comuni del territorio regionale durante il periodo di emergenza causato dalla pandemia Covid-19. Il monitoraggio ha riguardato l’intero periodo di emergenza, fin dal mese di febbraio, ed è stato condotto attraverso una ricognizione dei siti web e degli albi pretori degli enti. 

Nello specifico, l’indagine è stata condotta per quantificare lo svolgimento di riunioni dei Consigli e delle Giunte in videoconferenza; sedute riguardanti gare, concorsi pubblici e procedure per il conferimento di incarichi sempre tramite tecnologie di videoconferenza; l'adozione di modalità di smart working per i dipendenti; forme innovative per l’erogazione dei buoni spesa; e ulteriori  pratiche innovative, non determinabili a priori, a eccezione di quelle relative all’attivazione di modalità per la consegna della spesa o dei farmaci a domicilio.

Dalla ricognizione sono emersi i seguenti, principali risultati:

  • il 69% dei Comuni e il 56% delle Unioni ha svolto riunioni del Consiglio in videoconferenza; 
  • per quanto riguarda i Comuni, il dato sale al 93% nelle realtà tra i 15 e i 50.000 abitanti;
  • il  57% dei Comuni e il 77% delle Unioni ha svolto riunioni della Giunta in videoconferenza;
  • il 77% dei Comuni ha adottato soluzioni di smart working;
  • il 35% dei Comuni ha attivato forme innovative di erogazione dei buoni spesa: tra le altre, tramite tessera sanitaria, conto corrente del beneficiario e buono in formato digitale;
  • tra le altre iniziative innovative adottate dai Comuni figurano:
    • la somministrazione di questionari volti alla conoscenza delle necessità dei cittadini;
    • l’organizzazione di attività online di intrattenimento;
    • l’attivazione di canali diretti con il Sindaco o l’ente; 
    • la consegna a domicilio di libri a seguito di richieste online alle biblioteche;
    • la creazione di app per la segnalazione di assembramenti o fake news sull’epidemia; 
    • l’attivazione di servizi di supporto psicologico a distanza;
    • l’utilizzo dei media digitali per l’erogazione dei servizi degli Spazi Giovani;
    • l’organizzazione di progetti a distanza per disabili, famiglie o neomamme;
    • l’organizzazione di raccolte fondi tramite versamento on line o per mezzo di  app; 
    • il cospacing di spazi comunali per lo smart working;
    • la creazione di piattaforme informative sull’emergenza Covid-19 per le comunità straniere;
    • la condivisione volontaria delle wifi istituzionali per lo svolgimento di attività di didattica a distanza;
    • lo sviluppo di app per la distribuzione di dispositivi di protezione individuale;
    • il rilascio gratuito di indirizzi di posta elettronica certificata;
    • il potenziamento dei sistemi di prenotazione online dei servizi istituzionali.

Consulta i risultati integrali della rilevazione (pdf, 307.58 KB)

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/07/28 09:52:46 GMT+2 ultima modifica 2020-07-28T09:52:46+02:00

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina