Città digitali: l’Emilia-Romagna ai vertici del report nazionale Icity Rank 2021

Bologna , Modena, Parma, Reggio Emilia e Rimini nella lista delle 22 città che si distinguono per un utilizzo diffuso, organico e continuativo delle nuove tecnologie

L’Emilia-Romagna conferma la propria immagine di territorio fortemente vocato all’innovazione, e le sue città si pongono alla guida delle realtà d’eccellenza sul fronte della trasformazione digitale. È l'immagine positiva restituita da Icity Rank 2021, report realizzato su iniziativa di FPA, per fare il punto sui livelli di digitalizzazione raggiunti dalle principali città del Paese. 

La ricerca valuta il posizionamento digitale di tutti Comuni capoluogo italiani, proponendo una media del loro stato di avanzamento e innovazione nei seguenti settori: disponibilità dei servizi pubblici online, disponibilità di app di pubblica utilità, integrazione delle piattaforme digitali, utilizzo dei social media, rilascio degli open data, trasparenza, implementazione di reti wifi pubbliche e diffusione delle tecnologie di rete

Nella top ten sono tre le città della regione presenti: Bologna, al terzo posto del podio che vede Firenze e Milano nelle due posizioni di vertice, Modena, quarta ex aequo con Bergamo, e Parma, in decima posizione. Allargando poi lo sguardo fino alla 22esima posizione, nel perimetro delle realtà che i curatori dello studio classificano come “città digitali”, figurano anche Reggio Emilia (11esima) e Rimini (16esima).

“Le prime 22 città della classifica sono le ‘città digitali’ - spiega il Direttore generale di FPA Gianni Dominici - quelle che utilizzano in modo diffuso, organico e continuativo le nuove tecnologie nelle attività amministrative, nell’erogazione dei servizi, nella ​raccolta ed elaborazione dati, ​nell’informazione, nella comunicazione e nella partecipazione, e per portare avanti processi di innovazione istituzionale, culturale ed organizzativa al fine di migliorare la qualità della vita e dei servizi funzionali, i livelli di occupazione e la competitività, come risposta ai bisogni delle generazioni attuali e future, garantendo la sostenibilità economica, sociale e ambientale dello sviluppo urbano. Sono città che possono diventare ‘piattaforma’, creando le condizioni per lo sviluppo economico e sociale dei loro territori grazie al digitale”.

Per quanto riguarda le altre città capoluogo dell’Emilia-Romagna sottoposte a monitoraggio, Piacenza si posiziona 25esima, Ravenna 30esima, Forlì 39esima e Ferrara 42esima.

Tra le principali tendenze riscontrate in occasione dell’ultima rilevazione, spicca l’assestamento generale seguito alla forte accelerazione digitale causata dalla pandemia, pur contraddistinto da fenomeni importanti come la diffusione dell’APP IO e dello SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, e l’attivazione dei servizi dell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente

“Questa situazione - si legge nella sintesi del report - ha portato a una polarizzazione: da una parte città che hanno continuato a sviluppare i processi di innovazione, dall’altra città che hanno rallentato. Da un lato, le ‘città digitali’, che si collocano quasi sempre nella parte elevata delle graduatorie degli 8 indici di ICity Rank e mai nella parte più bassa; dall’altro lato, una ventina di comuni quasi sempre nella parte più bassa delle classifiche”.

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina