Al via il Festival della Cultura Tecnica 2021

500 eventi per la rassegna promossa dalla Città metropolitana di Bologna, realizzata anche grazie alla collaborazione della Regione Emilia-Romagna, che co-finanzia il progetto tramite il Fondo sociale europeo. Tra gli appuntamenti anche il percorso Women in tech, promosso dall’Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna in collaborazione con la Rete dei Laboratori aperti dell’Emilia-Romagna

Per un’istruzione di qualità, equa e inclusiva: il Festival della Cultura tecnica 2021 rinnova la propria vocazione a favore della valorizzazione della cultura tecnica, scientifica e tecnologica e si concentra quest’anno sull’obiettivo 4 dell’Agenda ONU 2030 per lo Sviluppo sostenibile.

Protagonista di questa edizione, dunque, l’approfondimento del concetto di educazione, intesa come sviluppo e formazione di conoscenze e competenze cognitive, sociali e comportamentali, potenzialità inespresse, ad opera di una molteplicità di soggetti in contesti diversi. Il Festival della Cultura tecnica si fa in questo senso pienamente interprete della varietà e complessità di percorsi educativi disponibili, nell’intento di favorire una riflessione condivisa e di promuovere le esperienze positive realizzate anche nell’ultimo, difficile periodo.

Le 500 iniziative in programma sul territorio regionale, con centinaia di partner coinvolti, propongono una panoramica ampia su tutti gli ambiti e gli aspetti che fanno del binomio “sapere e saper fare” l’ambito su cui puntare per il presente e il futuro delle giovani generazioni.

Si parte mercoledì 20 ottobre e si prosegue fino al 16 dicembre, con seminari, laboratori, convegni ed eventi rivolti a ragazze e ragazzi, famiglie, insegnanti, operatrici e operatori del mondo dell’educazione e della formazione, portatori di interesse e in generale all’intera comunità.

Il primo evento in calendario è la Cerimonia regionale di inaugurazione che coinvolge contemporaneamente la Città metropolitana di Bologna, le Province del territorio regionale, la Regione Emilia-Romagna e l’Ufficio Scolastico Regionale.

Al momento di apertura istituzionale fa seguito la Fiera delle Idee… online, tradizionale appuntamento di avvio per l’edizione metropolitana del Festival che quest’anno si estende a livello regionale, per un catalogo live di oltre 100 Pillole di cultura tecnica: dimostrazioni, esperimenti, simulazioni in peer education per far conoscere il mondo delle discipline STEAM (molte presentazioni saranno caricate anche sul canale YouTube del Festival). Le voci di tutte le province partecipanti potranno essere ascoltate nel quadro d'insieme offerto dalla diretta streaming dell'Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna. 

Sempre nella giornata inaugurale si svolge il primo dei cinque incontri del ciclo DAD, didattica a distanza: una, nessuna… o centomila?, dedicato all’impatto della DAD sulle modalità di insegnamento, apprendimento e relazione docenti-studenti e organizzato dalla Città metropolitana di Bologna - Istituzione Gian Franco Minguzzi, in collaborazione con il Comitato scientifico regionale del Festival della Cultura tecnica.

Tra i tanti temi oggetto di approfondimento, il Festival resta inoltre fortemente impegnato nel contrasto ai gap di genere, attraverso la proposta di iniziative contro gli stereotipi e gli altri fattori sociali e culturali che ostacolano le ragazze nella scelta di percorsi scolastici, formativi e professionali dell’area STEAM (Science, Technology, Engineering, Arts and Mathematics). 

Tanti gli appuntamenti di questo tipo: dai Technoragazze Days, 50 laboratori per far conoscere e sperimentare alle ragazze i vari settori della tecnica e della scienza, a Women in tech, la rassegna di incontri sul digital gap con cui le donne si confrontano ogni giorno. 

A promuovere quest’ultimo percorso è direttamente l’Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna, in collaborazione con la Rete dei Laboratori aperti dell’Emilia-Romagna: dal 18 novembre al 9 dicembre, sono in programma quattro eventi ibridi, in presenza e a distanza, ospitati presso i laboratori aperti di Ferrara, Rimini, Piacenza e Cesena. In ogni incontro, l’Assessora all’Agenda digitale Paola Salomoni dialogherà con esperte per aprire il confronto su donne e digitale e sui nuovi traguardi da raggiungere in Emilia-Romagna.

Nato nel 2014, il Festival della Cultura tecnica è promosso dalla Città metropolitana di Bologna ed è parte integrante del Piano Strategico Metropolitano di Bologna. Il Festival è realizzato in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna, che co-finanzia il progetto tramite il Fondo sociale europeo, con il Comune di Bologna, le Province di Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia e Rimini e numerosi altri partner pubblici e privati.

Tutte le novità e gli aggiornamenti sul Festival e sul programma delle iniziative sono disponibili su  festivalculturatecnica.it e su er.festivalculturatecnica.it, oltre che sui canali social della manifestazione.

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/10/20 09:01:41 GMT+1 ultima modifica 2021-10-20T09:01:41+01:00

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina