8 Marzo: più Donne nel Digitale e più Digitale per le Donne

L’Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna celebra la Giornata Internazionale della Donna rinnovando il proprio impegno per la rimozione dei gap digitali di genere e invitando a votare il progetto di formazione Ragazze Digitali, finalista del Premio Nazionale per le Competenze Digitali

Nei primi anni Novanta il numero delle laureate in Italia ha raggiunto quello dei laureati: da allora si è assistito ad un aumento delle lauree femminili ed il dato per l’anno solare 2020 è del 57,4%.

La strutturale prevalenza di donne è confermata dal Profilo dei Laureati 2020 di Almalaurea: le donne costituiscono il 58,7% del totale, con forti concentrazioni in alcuni gruppi disciplinari: educazione e formazione, linguistico e psicologico.

Le donne sono meno di un terzo nei percorsi di informatica e tecnologie ICT, ingegneria industriale e dell'informazione e scienze motorie e sportive.

L’evidente caratterizzazione di genere di alcuni percorsi si rileva già dalla scuola secondaria di secondo grado: Su 100 immatricolate dell’a.a. 2020/2021, Almalaurea rileva che il 42% ha un diploma STEM, mentre considerando gli immatricolati di genere maschile la cifra sale al 72%.

Nello stesso anno accademico le donne immatricolate a corsi di laurea STEM sono il 21%, gli uomini il 42%.

I dati sugli iscritti e i laureati finora analizzati evidenziano la permanenza di stereotipi culturali che inducono donne e uomini a scegliere percorsi tradizionali rispetto al genere; la domanda di formazione da parte degli studenti mostra quindi una segregazione di tipo orizzontale che si ritrova analogamente dal lato dell’offerta formativa da parte degli atenei.

Diventa quindi cruciale la fase di orientamento e di scelta dei corsi di studio nel passaggio dalla scuola all’università.

Il 1° Premio Nazionale per le Competenze Digitali è un’iniziativa di Repubblica Digitale promossa dal Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri e realizzata con il supporto di Formez PA.

Il Premio ha l’obiettivo di dare visibilità alle migliori iniziative di sviluppo delle competenze digitali rivolte ai cittadini realizzate da pubbliche amministrazioni, terzo settore e imprese, con particolare riferimento a quelle che si distinguono per l’innovatività, l’originalità, la possibilità di essere replicate in altri contesti e che abbiano avuto un forte impatto sul territorio.

In particolare segnaliamo la categoria “Digitale contro il divario di genere”: iniziative dirette a donne e ragazze, mirate a colmare il gender gap e a favorire l’occupazione femminile nei settori del digitale e delle nuove tecnologie. 

Tra le 5 iniziative finaliste in questa categoria segnaliamo  il “Progetto Ragazze Digitali”, nato nel 2013 dalla collaborazione tra il Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari dell’Università di Modena e Reggio Emilia e l’associazione EWMD (European Women Management Development); è un progetto di orientamento innovativo che si pone come obiettivo l’avvicinamento delle ragazze di scuola superiore all’informatica e ai princìpi dello sviluppo del software in modo creativo e divertente

Ragazze Digitali si configura come Summer Camp (in tempi pre-covid, in presenza; nelle ultime due edizioni, online) dedicato alle studentesse del III e IV anno di qualsiasi tipo di scuola superiore

Ragazze Digitali, gode del patrocinio dei Comuni di Modena e di Reggio Emilia e della Regione Emilia Romagna

Fino al 15 marzo sarà possibile votare le iniziative finaliste, del Premio Nazionale per le Competenze Digitali di Repubblica Digitale, sulla piattaforma ParteciPa.

Votate per il “Progetto Ragazze Digitali” per aiutarci a superare gli stereotipi culturali che ancora allontanano le ragazze dall’informatica e dall’ICT.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/03/08 11:01:00 GMT+2 ultima modifica 2022-03-08T11:05:48+02:00

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina