Agende Digitali Locali.

Piano Start City del Comune di Piacenza - I progetti sperimentali

In questa seconda parte Elena Baio, vice sindaco e assessore del Comune di Piacenza, ci presenta i progetti sperimentali del Piano Start City sviluppati seguendo quattro filoni tematici

Devi accettare i cookie di youtube per vedere questo contenuto.

Chiudi questo pop-up e abilitali dalla pagina Privacy del sito alla voce Gestisci i cookie di questo sito.


Sono quattro gli ambiti tematici previsti dal Piano Start City, progetto di Smart City iniziato nel 2019 dal Comune di Piacenza:

  • Ambito Smart Government - sono diverse le soluzioni già adottate, tra cui lo Sportello telematico polifunzionale che abbiamo descritto nella prima parte dell’intervista, che hanno portato il comune ad avere il 95% delle pratiche online

  • Ambito Smart Mobility - per monitorare in tempo reale lo stato libero/occupato dei posti auto riducendo così traffico e inquinamento e per tutelare le persone disabili per cui i sensori a controllo remoto permettono di monitorare l’occupazione illecita dei posteggi a loro dedicati.

  • Ambito Smart Security - l’installazione di telecamere di videosorveglianza in parchi e giardini e su aree stradali, per il miglioramento della sicurezza urbana e l’installazione di una rete di defibrillatori (DAE) opportunamente distribuiti tra impianti sportivi, uffici, scuole, luoghi pubblici, condomini, ma soprattutto distribuiti sulle strade principali più trafficate e controllati da una sensoristica in grado di monitorare lo stato di utilizzo e l'eventuale necessità di manutenzione. Piacenza è di fatti la città in cui è nato il Progetto Vita, il primo progetto Europeo di “Defibrillazione Precoce” sul territorio per prevenire la morte improvvisa dovuta ad arresto cardiaco.

  • Ambito Smart Metering - per ridurre i consumi energetici attraverso il monitoraggio dei consumi idrici/energetici nelle scuole comunali e negli edifici comunali.


Grazie alla collaborazione con Lepida ScpA e con la Regione Emilia-Romagna è stato possibile realizzare una rete con tecnologia LoRaWAN in grado di trasmettere i dati grezzi raccolti dai sensori posizionati nel territorio e trasformarli in informazioni utili al monitoraggio dei servizi.  “Ci auguriamo” sottolinea il Vicesindaco Baio “che anche i privati e le imprese imparino ad utilizzare la rete LoRaWAN per il proprio sviluppo economico “.

Ulteriore obiettivo, nato dalla collaborazione con Confindustria, è lo sviluppo sperimentale, proprio attraverso la rete LoRaWAN di Lepida, di alcuni casi d’uso specifici per ampliare le innovazioni già sperimentate e realizzare un progetto complessivo che possa costituire un elemento di forza in fase di presentazione delle istanze di finanziamento nell'ambito dei bandi del PNRR o di altre fonti di finanziamento nazionali o regionali.


Per approfondire:

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/03/28 10:00:00 GMT+2 ultima modifica 2022-03-28T15:13:51+02:00

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina