Tutte le notizie

Inaugurazione Laboratorio Aperto di Piacenza

DOVE INNOVAZIONE, SPERIMENTAZIONE E CULTURA SI INCONTRANO

Giovedì 19 e venerdì 20 dicembre due giorni di incontri ed eventi aperti a tutti per restituire alla città lo splendido edificio storico, destinato ad ospitare il laboratorio di innovazione, logistica, mobilità sostenibile, cultura e smart city.

Per saperne di più:
- le attività del laboratorio http://www.laboratorioapertopiacenza.it/
- il progetto di recupero https://www.cantierecarmine.piacenza.it/

La Regione Emilia – Romagna vince la quinta edizione del Premio Agenda Digitale

La Regione Emilia – Romagna si aggiudica la quinta edizione del Premio Agenda Digitale, il concorso, promosso dal Politecnico di Milano e da osservatori.net digital innovation, nato con l’obiettivo di sostenere la cultura dell’innovazione digitale nel nostro Paese, generare un meccanismo virtuoso di condivisione delle migliori esperienze di digitalizzazione, premiare e dare visibilità alle aziende e alle PA italiane più innovative e contribuire ai processi di ricerca dell’Osservatorio.

L’Osservatorio Digitale premia la Regione Emilia-Romagna, per la categoria Agende Digitali Regionali, un riconoscimento importante per i casi di efficace digitalizzazione condotti a livello di province e comuni conquistato grazie al progetto adlER, che si propone di supportare Unioni di Comuni e Comuni nella adozione e realizzazione di una Agenda Digitale Locale, :

La Regione ha identificato una strategia ed un modello unico da proporre a tutti gli enti per raggiungere questo obiettivo, con la flessibilità necessaria per potersi concentrare sulle esigenze specifiche e sulle tematiche che interessano maggiormente il territorio coinvolto, con il supporto delle Comunità Tematiche, gruppi di lavoro composti da rappresentanti degli enti del territorio Regionale che si occupano sia di argomenti specifici (servizi online per i cittadini, welfare digitale, documenti digitali, comunicazione digitale, competenze digitali, ...) che di argomenti trasversali (integrazioni digitali, Agenda Digitale) inerenti l'ICT. Quelle maggiormente coinvolte nel progetto sono le Comunità relative alle integrazioni digitali e all’Agenda Digitale.

Attraverso un’analisi As Is dell’ente coinvolto si ottiene un “profilo digitale” utile per selezionare le tematiche da includere nell’Agenda Digitale e discuterne, con i portatori di interesse del territorio, al fine di sviluppare progetti da implementare che coinvolgano anche gli stakeholders. Tutti i progetti andranno a definire l’Agenda Digitale Locale un documento programmatico che porta numerosi benefici di vario tipo al territorio che l’adotta: dall’aumento sensibile delle competenze all’interno dell’ente, ala consapevolezza dell’importanza del digitale, alle competenze relative ai percorsi partecipati. Migliorano inoltre i rapporti con i portatori di interesse del territorio e la collaborazione con questi ultimi per la realizzazione dei progetti. Infine, ci sono benefici specifici relativi ai progetti inclusi in Agenda: cittadini e imprese più competenti (se sono previsti percorsi di forma-zione), servizi più efficienti (se vengono implementati /migliorati servizi online), imprese più competitive (nel caso sia prevista la realizzazione di reti BUL in zone industriali).

Il progetto, coerente con gli obiettivi prioritari e le azioni strategiche previste nell’Agenda Digitale della Regione Emilia-Romagna, è stato pensato in modo tale da poter essere replicato in qualsiasi territorio, modificando unicamente gli argomenti e le azioni da implementare a seconda delle esigenze dell'ente coinvolto. La Regione Emilia-Romagna intede supportare tutti gli enti del territorio affinchè si dotino di una Agenda Digitale.

Maggiori informazioni sul progetto al link: https://digitale.regione.emilia-romagna.it/ad-locali/agende-digitali-locali

Il Laboratorio Aperto del MAR di Ravenna

Prende il via ufficialmente Mercoledì 18 dicembre il LABORATORIO APERTO RAVENNA, uno dei dieci Laboratori Aperti in programma. Il progetto regionale nasce grazie ai fondi europei con lo scopo di creare sul territorio una rete di spazi attrezzati, tecnologicamente avanzati, per la creazione delle città digitali del futuro attraverso lo sviluppo delle competenze e la cooperazione tra enti.

Il Laboratorio di Ravenna, che sarà gestito, su incarico del Comune, da Fondazione Brodolini di Roma, MBS Srl di Bologna, ETT Spa di Genova e Fondazione Flaminia di Ravenna, occuperà gli aspazi del MAR - Museo d’Arte della città di Ravenna e del nuovo museo archeologico e del territorio Classis e avrà come focus la fruizione turistica dei Beni Culturali e del Territorio, al fine di rendere questi luoghi veri e propri spazi partecipativi e creativi per nuovi talenti in grado di realizzare soluzioni innovative.

Per info e Iscrizioni: http://www.turismo.ra.it/ita/Eventi/Manifestazioni-e-iniziative/News/Il-Laboratorio-Aperto-del-MAR-di-Ravenna

 

Technoragazze: prove di futuro

Scienza e tecnica non fanno differenze di genere: Giovedì 5 dicembre l’evento “Technoragazze: prove di futuro” celebra tutte le donne che vogliono studiare e lavorare nell’ambito della cultura tecnica, o spingersi fino al punto in cui i loro talenti o interessi le portano.

Genialità, talento, intuito, desiderio di lasciare un segno: il territorio bolognese è da sempre terra di capacità, innovazione e trasformazione. Molte anche le donne che dominano le discipline tecniche e scientifiche, nonostante le difficoltà ad affermarsi e che, però, non hanno minato la volontà di pesare nello scenario dell’innovazione.

Dal Teatro Celebrazioni di Bologna, giovedì 5 dicembre si innalza l’appello al rifiuto degli stereotipi di genere e a rendere la tecnica e la scienza più eque e accessibili a tutti, incoraggiando le nuove generazioni a proseguire nell’affermazione della libertà di scelta del proprio futuro professionale, indipendentemente dal genere.

Info e iscrizioni al link: https://www.festivalculturatecnica.it/scienza-e-tecnica-non-fanno-differenze-di-genere/ 

Inaugurazione Laboratorio Aperto di Piacenza

Dove innovazione, sperimentazione e cultura si incontrano

Giovedì 19 e venerdì 20 dicembre due giorni di incontri ed eventi aperti a tutti per restituire alla città lo splendido edificio storico, destinato ad ospitare il laboratorio di innovazione, logistica, mobilità sostenibile, cultura e smart city.

Per saperne di più:
- le attività del laboratorio http://www.laboratorioapertopiacenza.it/
- il progetto di recupero https://www.cantierecarmine.piacenza.it/

ICity Rank 2019. Sono 4 le città dell’Emilia-Romagna tra le top ten: Bologna, Parma, Modena e Reggio Emilia

Sono 4 le città della regione Emilia Romagna tra le top ten di ICity Rank 2019, il rapporto annuale di ForumPA che fotografa la situazione delle città italiane nel percorso per diventare intelligenti e sostenibili, ovvero più vicine ai bisogni dei cittadini, più inclusive, più vivibili, capaci di introdurre innovazioni e promuovere sviluppo adattandosi ai cambiamenti in atto attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie: si tratta di Bologna (3^), Parma (8^), Modena (9^), Reggio Emilia (10^)

Bologna, Parma e Reggio Emilia confermano i risultati del 2018, Modena entra nella top ten grazie alla diffusione dell’innovazione produttiva, al green procurement, alla transizione al digitale.

Bologna conquista la terza posizione e diminuisce il distacco dalla vetta piazzandosi davanti a tutti per capacità di governo, seconda per trasformazione digitale e solidità economica, terza per tutela ambientale e qualità sociale. La realtà urbana bolognese ottiene il podio in 5 delle 6 dimensioni.

Parma, Modena e Reggio Emilia sono tra le prime dieci smart city italiane, con risultati paragonabili al terzetto di testa in molti degli indicatori analizzati.

Modena raggiunge la quarta posizione per trasformazione digitale

Piacenza è tra le città che hanno guadagnato più posizioni rispetto al 2018 e raggiunge la ventitreesima posizione.

Rimini guadagna 10 posizioni e si attesta al ventesimo posto.

Le città emiliano-romagnole si collocano ai vertici della graduatoria della capacità di governo (occupando ben 6 delle prime 10 posizioni).  Un risultato ottenuto grazie alle buone performance negli indicatori di partecipazione civile e coesione sociale, a valori discreti negli indici di legalità e sicurezza e soprattutto agli elevati risultati nell’impiego dei nuovi strumenti di innovazione amministrativa.

In generale tutte le città della nostra regione sono tra le prime 30 del ranking.

Maggiori informazioni al link https://www.forumpa.it/citta-territori/icity-rank-2019-milano-firenze-e-bologna-sono-le-citta-piu-smart-ditalia/

Un approfondimento sulle città emiliano-romagnole (pdf124.63 KB)nel rapporto annuale ICityRank2019: pdf124.63 KB)

Banda ultralarga in ritardo, Governo rilancia il piano BUL su aree grigie e voucher

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il decreto che ricostituisce il Cobul (Comitato banda ultralarga), affidandone la presidenza alla ministra dell’innovazione Paola Pisano.

Un Tavolo “strategico per lo sviluppo digitale del Paese”, così ha definito la ministra il rinato Comitato che si occuperà di rilanciare il piano varato nel 2015 dal governo Renzi, concentrandosi in particolar modo sulle aree grigie, ovvero le aree extra urbane dei distretti industriali, ma anche sui voucher per le famiglie e per le Pmi.

Al ministro spetterà proprio il compito di dare un’accelerata al piano ad oggi in stallo, situazione che ha provocato ritardi anche nel cablaggio delle aree bianche. Un ritardo causato, secondo l’Uncem (Unione Nazionale Comuni Comunità e Enti Montani), dall’eccesso di burocrazia che appesantisce il rilascio dei permessi di posa.

L’obiettivo rimane quello della copertura totale del nostro territorio nel 2020.

Convegno "Cybersecurity Parma" - giovedì 14 novembre 2019

  • Quando il 14/11/2019 dalle 09:00 alle 17:30
  • Dove Centro Congressi - Parco Area delle Scienze 17 – 43124 Parma (PR)
  • Partecipanti L'università di Parma organizza un momento di confronto e di raccordo per le competenze in materia di cybersecurity, soprattutto attraverso l’esposizione di case-study reali
  • Sito web Visita il sito
  • Aggiungi l'evento al calendario iCal

Le informazioni e i big data sono oggi un patrimonio prezioso e da qui nasce la necessità di renderli sempre più sicuri. L’Università di Parma dedica alla Cybersecurity un convegno per approfondirne regole e novità, in programma il 14 novembre prossimo, presso il Centro Congressi - Plesso Aule delle Scienze Campus Universitario, nell’ambito della campagna di sensibilizzazione dell’Unione Europea ECSM European Cyber Security Month che si svolge ogni ottobre in tutta Europa e che ha l’obiettivo di aumentare la consapevolezza delle minacce alla sicurezza informatica, promuovere la sicurezza informatica tra i cittadini e le organizzazioni e fornire risorse per proteggersi online, attraverso l’educazione e la condivisione di buone pratiche.

Oggi diventa compito delle Pubbliche Amministrazioni, come delle imprese, quello di difendere i dati; condividere le proprie esperienze è fondamentale per il miglioramento delle metodologie e degli strumenti. La giornata nasce quindi con l’intento di creare un momento di confronto e di raccordo per le competenze in materia di cybersecurity, soprattutto attraverso l’esposizione di case-study reali. La specificità di Cybersecurity Parma è infatti quella di condividere problematiche incontrate e soluzioni adottate attraverso la voce di realtà istituzionali e industriali.

Programma, info e iscrizioni su www.cybersecurity.unipr.it

Le tecnologie dell'apprendimento a sostegno del cambiamento della Pubblica Amministrazione

L’e-learning ha una platea sterminata ed oggi è sempre più utilizzato anche nella formazione pubblica. La trasformazione digitale e l’introduzione di nuove modalità di lavoro flessibili rendono necessaria l’adozione di nuove competenze. In che modo l’e-learning può accompagnare le amministrazioni in questi cambiamenti?

Per ampliare le conoscenze professionali e personali sul tema dell’apprendimento online nella pubblica amministrazione la Regione Emilia – Romagna organizza il convegno nazionale dal titolo “Le tecnologie dell'apprendimento a sostegno del cambiamento della Pubblica Amministrazione”, in programma a Bologna il 19 novembre 2019.

L’evento nasce con lo scopo di mettere in luce i modelli di e-learning e le esperienze oggi in atto e identificare possibili percorsi di sviluppo mutuati anche da altri contesti. Interverranno esperti del settore e i referenti di alcune tra le più importanti realtà del territorio italiano che illustreranno le principali esperienze di e-learning nella Pubblica Amministrazione

 

Per essere protagonista dell’evento basta rispondere al breve questionario sulla tua esperienza di e-learning, ed inviare un Paper per gli atti del convegno.

 

Info e programma su www.convegnoself.net

 

 

Evento gratuito, fino ad esaurimento posti.

Circa 10.000 presenze alla terza edizione di AFTER futuri digitali a Bologna

Fortissimamente digitale. A Bologna si chiude la terza edizione di AFTER futuri digitali con un successo oltre le aspettative: oltre 10.000 le presenze ai quasi 60 eventi in programma nei 4 giorni di festival, tra workshop, incontri, hackathon, laboratori e spazi espositivi nelle 12 location allestite nel cuore del centro storico dove si sono avvicendati grandi e piccoli appassionati, esperti del settore e curiosi. Un numero che conferma la voglia di imparare a conoscere il digitale, ad utilizzarne le potenzialità e scoprire tutte le ultime novità.

Un grande successo per After 2019 a Bologna, - ha affermato il Vicepresidente e Assessore alla programmazione territoriale e agenda digitale Raffaele Donini – in questa edizione che ha fatto registrare, oltre al significativo aumento delle presenze, oltre 100.000 visualizzazioni su Facebook e 130.000 su Twitter, ha anche coinvolto 190 relatori, 1000 studenti ai laboratori e ha visto la formazione di 250 docenti. Questi numeri confermano la qualità e il valore del format e l’esigenza di portare nelle piazze il digitale”.

Dopo Modena e Reggio Emilia, il festival è arrivato a Bologna animando il centro storico dal 24 al 27 ottobre con un ricco di calendario di appuntamento e ospiti nazionali e internazionali. “Come Comune di Bologna siamo molto soddisfatti di com’è andata questa edizione di AFTER futuri digitali. – ha sottolineato Matteo Lepore, Assessore all’Agenda Digitale del Comune di Bologna -   e ringraziamo la Regione Emilia – Romagna per aver ancora una volta investito sulla nostra città. Migliaia di persone hanno visitato gli spazi e hanno partecipato ai laboratori, abbiamo parlato in particolare di big data e di come Bologna sarà la capitale italiana del calcolo, degli scenari futuri e soprattutto della centralità delle persone e della comunità grazie alla cura condivisa dei beni comuni e alle esperienze che in questi anni a Bologna abbiamo portato avanti sempre grazie alla collaborazione della Regione.”

 

Quattro, in particolare sono stati i temi cardine di questa edizione 2019 - Smart Working, Infrastrutture IT, Competenze digitali, Data Valley –protagonisti di tutti gli appuntamenti a partire proprio dalla Giornata di apertura dedicata al Lavoro Agile.

 

Tanti gli incontri sul tema del gender gap in ambito scolastico e lavorativo, sulle infrastrutture, la tecnologia digitale applicata al mondo della sanità con l’avvio della nuova app sperimentale iCare Assistant” realizzata da Engineering in collaborazione con la AUSL di Bologna e la Regione Emilia-Romagna, presentata dal Presidente Bonaccini alla Casa della Salute del Navile. E i tanti appuntamenti di “contaminazioni”, dai workshop ai circa 50 laboratori, 3 Hackathon, 10 eventi off, ma anche 15 conferenze, 12 workshop, le 10 Demo, il barcamp, l’escape room, una caccia al tesoro e una speciale edizione del gioco dell’oca per insegnare ai ragazzi la finanza digitale, gli appuntamenti in collaborazione con il RoBOt e con la Cineteca di Bologna.

 

Salone di Palazzo Re Enzo pieno per l’intervista di Tommaso Labate ad Enrico Mentana sul tema del controverso rapporto tra informazione e rete, dell web come evoluzione naturale e storica del giornalismo, della capacità di sezionare, verificare e velocizzare il flusso di news in tempo reale e dell’utilizzo dei social come strumento di propaganda.

 

Da segnalare anche le oltre 300 identità digitali emesse durante i 4 giorni di festival e l’assistenza fornita ad altre 200 persone nei vari punti informazioni dislocati nel centro storico.

 

Ora l’appuntamento è a Ravenna con l’edizione 2020!

Vi aspettiamo a Bologna ad #AfterFestival19!

57 eventi e 12 location nel cuore del centro storico di Bologna, 36 laboratori didattici e 3 Hackathon, 800 studenti, 250 docenti e 15 scuole coinvolte: sono solo alcuni dei numeri di AFTER futuri digitali, pronto ad alzare il sipario sulla terza edizione in programma dal 24 al 27 ottobre.

Il festival promosso da Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna, Agenda Digitale Emilia-Romagna, Fondazione Innovazione Urbana FIU e Lepida S.c.p.A trasformerà per 4 giorni Bologna in un futuristico laboratorio tecnologico, per conoscere, approfondire e sperimentare le trasformazioni della società contemporanea.

L’edizione 2019 si svilupperà su 4 macrotemi: Smart Working, Infrastrutture IT, Competenze digitali, Data Valley – che saranno protagonisti di tutti gli appuntamenti.

Come ogni anno, ad inaugurare il Festival, venerdì 25 ottobre alle 11.30 in Piazza Maggiore, sarà il taglio del nastro alla presenza del Vicepresidente e Assessore alla programmazione territoriale e agenda digitale Raffaele Donini e della Vice Sindaco del Comune di Bologna Marilena Pillati che visiteranno i laboratori di Palazzo Re Enzo.

Venerdì 25 ottobre alle ore 20.30 nella Sala del Podestà di Palazzo Re Enzo, il giornalista Tommaso Labate intervisterà il direttore del TG La7, Enrico Mentana sulla difficile coabitazione tra informazione e rete: il web come evoluzione naturale e storica del giornalismo, la capacità di sezionare, verificare e velocizzare il flusso di news in tempo reale, da cellulare a computer, dalle fotocamere e videocamere digitali alle piattaforme online, ma anche e soprattutto il futuro della carta stampata a fronte dell’offerta smisurata, della rapida innovazione nelle potenzialità e della crescita della fruizione del web come fonte di notizie.

Per conoscere cos’è lo Smart Working e come trasforma la professionalità e le aziende, After ospiterà la Giornata del Lavoro Agile, che aprirà il Festival giovedì 24 ottobre, organizzata da Comune di Bologna, Città Metropolitana di Bologna, Regione Emilia-Romagna e Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Filo conduttore della Giornata è la relazione tra Smart Working e Sostenibilità intesa secondo i 4 pilastri dell'Agenda ONU 2030 sullo sviluppo sostenibile: ambientale, sociale, economico e istituzionale. In programma incontri con rappresentanti di grandi realtà imprenditoriali e delle PA che hanno adottato lo smart working, workshop di approfondimento sulle buone pratiche, le nuove tecnologie e la trasformazione degli spazi di lavoro.

Argomento trainante di questa edizione di After futuri digitali è il gender gap in ambito scolastico e lavorativo, in particolare legato alle tecnologie digitali e alle cosiddette discipline STEM (tecnico, scientifiche, digitali). Per affrontare il tema, venerdì 25 ottobre alle ore 10.00 al Salone del Podestà di Palazzo Re Enzo l’appuntamento è con le fantastiche 3: la docente della facoltà di Ingegneria “Enzo Ferrari” dell’Università di Modena e Reggio Emilia e responsabile del progetto Ragazze Digitali Claudia Canali, , la ricercatrice IBM Cecilia Boschini e la giornalista reporter di Quartz Annalisa Merelli - intervistate dall’attrice bolognese Simona Sagone -  tre donne “votate” alla tecnologia, che con la loro esperienza, il loro curriculum e la loro capacità di divulgazione, daranno il senso concreto, reale e ispirazionale della figura femminile all’interno degli ambiti tecnologici-scientifici e matematici.

E ancora i tanti appuntamenti di “contaminazioni”, dai workshop ai laboratori, i 3 Hackathon, l’escape room, una caccia al tesoro e una speciale edizione del gioco dell’oca per insegnare ai ragazzi la finanza digitale, focalizzati sui temi Arte e Tecnologia, Lego Robot, MBot e robotica, Fake News e FactChecking, Radio digitale. Una serie di appuntamenti per le classi delle scuole superiori di secondo grado pensati per sperimentare l’abbattimento delle barriere di genere nel settore delle tecnologie e del digitale in maniera divertente e formativa.

L’Emilia Romagna Data Valley, cuore europeo dei sistemi di supercalcolo e dei Big data e driver per il Paese nell’affrontare alcune delle grandi sfide del nostro tempo si racconterà ad After per illustrare ai cittadini questa importante sfida per il nostro territorio con i protagonisti e gli esperti che racconteranno le capacità e gli strumenti a disposizione nella Data Valley.

E ancora il 5G e le infrastrutture, le Demo di ultima generazione, gli appuntamenti in collaborazione con il RoBOt e con la Cineteca di Bologna, i laboratori di Fondazione Golinelli e ART-ER e tanto altro.

Per informazioni e programma: www.afterfestival.it

 

Il programma di After Futuri Digitali 2019 è ONLINE!

È online il programma di AFTER futuri digitali 2019, la terza edizione del festival dedicato alla trasformazione digitale della società contemporanea, che quest’anno invaderà Bologna dal 24 al 27 ottobre
L’evoluzione continua. Dopo il successo delle prime due edizioni, a Modena e Reggio Emilia, AFTER torna e invade il centro di Bologna. Come ogni anno propone una panoramica sui temi di particolare attualità legati all’utilizzo e all’innovazione del digitale, dalle ultime evoluzioni dell’intelligenza artificiale e della robotica, alla scienza dei dati applicati al territorio, per comprendere le diverse modalità con cui il digitale può migliorare la qualità della vita delle persone, nel loro ruolo di cittadini. 

Quattro sono i temi cardine di questa edizione 2019 - Smart Working, Infrastrutture IT, Competenze digitali, Data Valley – che saranno protagonisti di tutti gli appuntamenti.

Su www.afterfestival.it è possibile scoprire gli oltre 40 eventi in programma, tra workshop, incontri di approfondimento e momenti di intrattenimento, che animeranno per 4 giorni il centro storico della città.

 Vieni a scoprire la città del futuro!

L’evoluzione è visibile agli occhi. 

ALL DIGITAL SUMMIT 2019

Torna a Bologna L’ALL DIGITAL SUMMIT, l’evento nato con l’obiettivo di migliorare le competenze digitali in tutta Europa, organizzato dall'associazione paneuropea ALL DIGITAL, supportato da Regione Emilia-Romagna con Agenda Digitale regionale, ART-ER e Fondazione Golinelli. Partner regionali dell'associazione sono oltre ad ART-ER, le cooperative Open Group e Lai-Momo.

Giunto alla sua 23esima edizione, il summit, che riunisce circa 150 rappresentanti di organizzazioni e reti, che lavorano nel campo dell'inclusione e dell'emancipazione digitale, mette quest’anno al centro della discussione i temi le competenze digitali di base per tutti e le competenze Steam - Science, Tech, Engineering, Arts & Math.

In programma seminari, gruppi di discussione, sessioni plenarie e un focus sull'esperienza di tre grandi progetti: La Carovana STEM, Coding for Inclusion e Digital Competences Development System.

A dare il benvenuto e aprire ufficialmente i lavori sarà Andrea Orlando, Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta della Regione Emilia-Romagna, ente promotore dell’evento.

Tutte le informazioni e il programma completo su: https://summit.all-digital.org

Modena Smart Life

Torna l’appuntamento con Modena Smart Life il festival della cultura digitale. Dal 27 al 29 settembre il territorio di Modena sarà al centro di un ricco calendario di conferenze, installazioni e iniziative, un grande evento per far conoscere ai cittadini, alle imprese e alle istituzioni i cambiamenti che l’innovazione tecnologica porta nella comunità e nelle nostre attività quotidiane.
  • Modena Smart Life
  • 2019-09-27T00:00:00+02:00
  • 2019-09-27T23:59:59+02:00
  • Torna l’appuntamento con Modena Smart Life il festival della cultura digitale. Dal 27 al 29 settembre il territorio di Modena sarà al centro di un ricco calendario di conferenze, installazioni e iniziative, un grande evento per far conoscere ai cittadini, alle imprese e alle istituzioni i cambiamenti che l’innovazione tecnologica porta nella comunità e nelle nostre attività quotidiane.
  • Quando 27/09/2019
  • Dove Modena
  • Aggiungi l'evento al calendario iCal

Al centro di questa quarta edizione sarà il rapporto fra la società umana e l’Intelligenza artificiale. Dall’arte all’etica, dalla tecnologia all’impresa, e ancora lavoro, salute, formazione, servizi, ogni aspetto della nostra vita è dominato dall’utilizzo del digitale. Imparare a conoscerne le interazioni con la società, a partire dalla gestione e diffusione di dati sensibili, è fondamentale per poterne trarre i maggiori benefici ed esaltarne le potenzialità senza rischi.

 

Tra i protagonisti di questa edizione Gerd Leonhard, futurista, umanista, oratore e autore di “Umanità vs Tecnologia”, inserito dalla rivista Wired (2015) tra le cento persone più influenti in Europa.

 

Grandi pensatori, opinionisti, professori ed esperti del settore, daranno vita ad una tre giorni di immersione nel mondo della cultura digitale.

Per informazioni: https://www.modenasmartlife.it/

Banca dati regionale di progetti di Smart City

Oggi le varie realtà territoriali hanno portato avanti singolarmente questi processi di sviluppo, lo scopo di ADER è quello di mettere a sistemi questi processi per favorire lo sviluppo coeso della regione, in particolare dei Comuni medio piccoli.

Nasce da qui l’esigenza di avviare un’indagine conoscitiva per la costituzione di una banca dati regionale di progetti di Smart City, una mappatura delle soluzioni di successo già realizzate o in avanzata fase di realizzazione messe in pratica dai singoli attori, con lo scopo di farle conoscere e promuoverne la diffusione: prassi, esperienze, metodologie, sistemi organizzativi e gestionali innovativi realizzati da un Ente che, grazie anche alle tecnologie digitali, mettono in comunicazione infrastrutture materiali e immateriali e cittadini, con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita delle persone.

Dal 10 settembre e fino alle 12.30 del 20 novembre sarà possibile segnalare la propria iniziativa attraverso la compilazione di un apposito modulo online, uno per ogni progetto, disponibile al seguente indirizzo: https://digitale.regione.emilia-romagna.it/smartcity

 

Per maggiori informazioni: Delibera di Giunta "Banca dati Smart City" (n.1393 del 5 agosto 2019)

TERZO AVVISO: Diventa sponsor dell'edizione di After 2019

Terza chiamata per diventare sponsor dell’edizione 2019 di AFTER FUTURI DIGITALI, il Festival nazionale che porta in scena la trasformazione digitale della società contemporanea nella sua dimensione urbana, in programma a Bologna dal 24 al 27 ottobre, organizzato da Comune di Bologna, Regione Emilia-Romagna, Fondazione Innovazione Urbana e LepidaSpA.

Al centro di questa edizione saranno le competenze digitali per studenti e adulti, lo smart working, le infrastrutture e i servizil’utilizzo e la tutela dei dati sensibili e le potenzialità dell’Emilia-Romagna diventata Data Valley europea, le funzioni del Supercomputer europeo Leonardo, gli investimenti in materia di Big Data, Intelligenza artificiale, Meteorologia e Cambiamento climatico.

Fino al 23 settembre  prossimo è possibile diventare SPONSOR dell’edizione 2019 di AFTER, in una delle tre tipologie: Platinum, Gold o Silver.

 Tutte le info su: http://7hynkubt.chaos.cc/

"Attrattività Ultra Larga"

Giovedì 19 settembre 2019 una giornata di confronto tra le diverse realtà del territorio regionale per raccontare le proprie esperienze e il valore della Banda Ultra Larga.
  • Quando il 19/09/2019 dalle 18:00
  • Dove Opificio Golinelli di Bologna
  • Aggiungi l'evento al calendario iCal

Giovedì 19 settembre, alle ore 18.00 presso l’Opificio Golinelli di Bologna, la Regione Emilia - Romagna, in collaborazione con Lepida, organizza “Attrattività Ultra Larga”, una giornata di confronto tra le diverse realtà del territorio per raccontare le proprie esperienze e il valore della Banda Ultra Larga nel processo di evoluzione dell’economia delle Amministrazioni e delle Aziende.

A partire dalla storia, dalla cultura e dalle competenze, i protagonisti racconteranno come il progetto di rivoluzione e superamento del divario digitale negli insediamenti produttivi, realizzato grazie alle misure specifiche messe in atto dalla Regione Emilia – Romagna, tramite Lepida, abbia contribuito al successo e al benessere economico delle oltre 140 amministrazioni comunicali, 27 aziende e quasi 40 operatori TLC coinvolti e connessi tramite BUL.

È un’occasione per scambiarsi idee ed esperienze, per confrontarsi sulle pratiche, alla ricerca di spunti di riflessione e miglioramento ma anche di condivisione dei successi ottenuti, grazie ai quali la Regione Emilia – Romagna è all’avanguardi nel raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda Digitale.

L’evento si chiuderà con un aperitivo conviviale.

Per partecipare è necessario iscriversi online.

DESI 2019, oltre la metà degli Italiani non ha competenze digitali di base. La regione Emilia Romagna emerge positivamente per il supporto l’attuazione delle azioni previste nel Piano Nazionale Scuola digitale nel territorio regionale.

Secondo l’indice DESI, l’Indice di digitalizzazione dell’economia e della società e strumento con il quale la Commissione Europea monitora la competitività digitale degli Stati membri dal 2015, Il livello di digitalizzazione della società italiana è inferiore alla media europea e posiziona l’Italia, anche nel 2019, al ventiquattresimo posto in classifica, tra gli ultimi Paesi europei.

Ciò è dovuto alle scarsissime competenze digitali di base, per le quali una persona su tre utilizza internet abitualmente, e di conseguenza i servizi online.

L’analisi riporta anche una bassa influenza delle competenze informatiche sulla forza lavoro e anche sul fronte dell’integrazione delle tecnologie digitali da parte delle imprese, l’Italia si posiziona al ventitreesimo posto tra gli Stati membri dell’UE.

In questo panorama nazionale preoccupante emerge positivamente la situazione in Emilia Romagna in cui, nell’ambito dell’Asse Competenze dell’Agenda Digitale regionale ADER 2015-2019, è stato sottoscritto il Protocollo di Intesa fra Regione Emilia-Romagna e MIUR per supportare l’attuazione delle azioni previste nel Piano Nazionale Scuola digitale nel territorio regionale.

La Regione ha investito circa 4 milioni di euro del Fondo Sociale Europeo (Bando Operazioni Orientative per il successo formativo) per tutto il territorio regionale con un’attenzione particolare alle aree periferiche della montagna e delle Aree Interne per garantire a tutte le ragazze e i ragazzi le stesse opportunità di apprendimento.

Tra le attività avviate, con al centro le nuove competenze digitali come strumento per favorire lo sviluppo e combattere le discriminazioni di genere, ci sono i laboratori tecnologici nelle scuole, organizzati da ART-ER su mandato della Regione, in collaborazione con il Servizio Marconi dell’Ufficio scolastico regionale su robotica, modellazione 3D, realtà aumentata, sensoristica, uso dei droni, arte musica e tecnologia, finanza virtuale, open data e tanto altro ancora. Altri laboratori saranno realizzati da ART-ER, in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale, durante il Festival della Cultura Tecnica e After Festival Futuri Digitali dell’autunno 2019. L’obiettivo è quello di coinvolgere nei prossimi 2 anni di attività circa 20.000 studentesse e studenti delle scuole della regione Emilia-Romagna.

E ancora tre campus estivi residenziali gratuiti per l’apprendimento delle nuove competenze digitali, il primo dei quali è partito, in via sperimentale, lunedì 10 giugno al villaggio Spiaggia Romea di Lido delle Nazioni (Comacchio - FE), per ragazze e ragazzi con età compresa tra i 12 e i 16 anni. Il secondo si svolgerà nella settimana dal 17 al 21 giugno sempre al villaggio di Spiaggia Romea mentre il terzo sarà al Rifugio Lagdei di Corniglio (PR) dal 9 al 13 settembre prossimi con un totale di 90 ragazze e ragazzi coinvolti. Alla luce del successo riscontrato dall’iniziativa è già in corso una programmazione di massima per il prossimo anno.

Una progettazione che colloca l’Emilia-Romagna tra le prime realtà territoriali in Italia per le competenze digitali dei suoi cittadini, una condizione d’eccellenza che contribuisce al miglioramento della competitività e dello sviluppo economico e sociale della Regione.

Nel programma del festival "After Futuri Digitali", che si terrà a Bologna dal 24 al 27 ottobre 2019, ci saranno molti laboratori dedicati alle competenze digitali di studenti e adulti.

Per informazioni: www.afterfestival.it 

Torna AFTER FUTURI DIGITALI, dal 24 al 27 ottobre a BOLOGNA!

Torna AFTER FUTURI DIGITALI, l'annuale appuntamento con il festival nazionale che ha portato in scena la trasformazione digitale della società contemporanea. A Bologna, dal 24 al 27 ottobre, cittadini, esperti, associazioni, enti pubblici, imprese e start-up provenienti da tutta Italia, si incontrano per workshop, conferenze, eventi, spettacoli teatrali, ospitati in città. Un calendario ricchissimo per immergersi nel futuro e scoprire l’era digitale e le sue implicazioni a 360° nella società attuale: cultura e creatività, educazione, economia della conoscenza.

After è soprattutto educazione al digitale. Workshop e conferenze ospiteranno alcuni tra i protagonisti e interpreti dell’innovazione digitale e del mondo accademico, che illustreranno le più recenti applicazioni della digitale anche nella scuola e nel sociale, attraverso il racconto e la condivisione delle esperienze degli studenti e gli approfondimenti sul mondo del lavoro digitale, a partire dallo smartworking, una nuova modalità di lavoro che è ormai diffusa anche nel nostro Paese e che prevede la totale assenza di vincoli orari o spaziali e un’organizzazione per obiettivi.

Il digitale cambia profondamente il modo di fare impresa ma anche di vivere nel sociale, favorisce e semplifica i processi amministrativi, la condivisione di informazioni e il controllo dei dati, cambiando, di conseguenza, le competenze professionali. Per comprendere meglio come cambiano questi mondi nell’era digitale After ospiterà incontri, dibattiti e workshop dedicati alle Smartland – i nuovi territori digitali e la loro evoluzione attraverso strutture, big data e innovazione urbana, all’amministrazione condivisa dei beni comuni digitali, fino al contributo digitale nella lotta alla crisi climatica.

Bologna sta per diventare il centro dell’Emilia – Romagna Data Valley e della Fondazione Big Data for Human Development, grazie al TECNOPOLO che ospiterà il supercomputer europeo, l’EuroHpc

il 'cervellone' elettronico ad alte prestazioni da 120 milioni di euro. After dedica un appuntamento al racconto e all’approfondimento delle nuove opportunità che il Tecnopolo bolognese sarà in grado di attirare sul territorio: dallo studio del funzionamento del cervello a quello dell'evoluzione dell'universo, dalla progettazione di nuovi farmaci alla lotta ai cambiamenti climatici.

E ancora innovazione digitale femminile, laboratori, hackathon e momenti esperenziali e di intrattenimento per i grandi ma soprattutto per i più piccoli, per avvicinarsi al digitale in modo ludico, ma imparando a padroneggiare competenze, nuove tecnologie e strumenti.

Uno dei 5 supercomputer più potenti del mondo sarà installato al Tecnopolo di Bologna

Giovedì 6 giugno il progetto candidato dal Cineca è stato scelto in Lussemburgo assegnando così a Bologna il supercomputer da 120 milioni di euro dell'EuroHPC Joint Undertaking, l'impresa comune europea a supporto di progetti e infrastrutture per il calcolo ad alte prestazioni.

Così l’Emilia-Romagna, dove già oggi si concentra il 70% della capacità di calcolo e di storage nazionale, con migliaia di ricercatori coinvolti, con questo nuovo supercalcolatore passa dalla 19^ alla 5^ posizione nella classifica mondiale, diventando di fatto la Data Valley europea.  Il calcolo ad alte prestazioni è uno strumento essenziale per comprendere e rispondere a grandi sfide scientifiche e sociali. Come ha sottolineato anche il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti il supercomputer - che si chiamerà Leonardo per celebrare i 500 anni dalla morte del genio da Vinci - potrà sviluppare approcci di medicina personalizzata e predittiva, rendere più affidabili le previsioni meteo e prevedere eventi naturali catastrofici. Renderà possibile lo sviluppo di materiali sempre più tecnologici e la realizzazione di ricerche e prospezioni minerarie sempre più accurate, oltre che interventi nel campo della sicurezza nazionale, cybersecurity e dell'intelligenza artificiale. Un impatto crescente è previsto anche per il settore industriale, in particolare per le piccole e medie imprese, chiamate oggi, nel pieno della rivoluzione industriale 4.0 basata sulla generazione ed elaborazione di dati, a ripensare tempestivamente e strategicamente il proprio sviluppo competitivo.

Tutto ciò è stato reso possibile anche dalla legge “Investimenti della Regione Emilia-Romagna in materia di Big Data, Intelligenza artificiale, Meteorologia e Cambiamento climatico”, approvata l’11 giugno scorso, finalizzata a rafforzare ulteriormente la strategia di posizionamento di Bologna e dell’Emilia-Romagna ai più alti livelli della comunità scientifica internazionale.

Questa legge infatti concede gratuitamente all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e al Cineca un’area del Tecnopolo di Bologna per l’insediamento del supercomputer  e permette alla Giunta regionale di promuovere e sostenere l’istituzione di una “Fondazione Big Data for Human Development” fra grandi istituzioni scientifiche regionali, nazionali, internazionali e imprese che favorisca attrazione di talenti e di investimenti pubblici e privati sulle nuove tecnologie. 

Obiettivo della Regione Emilia-Romagna è fare di questo luogo un grande incubatore di nuova scienza e di nuove imprese, il cuore dei sistemi di supercalcolo di tutta Europa, in grado di diventare hub di conoscenza e di sapere rispetto alle grandi sfide socio economiche - in particolare cambiamento climatico e le previsioni meteorologiche - e rispetto all’innovazione tecnologica relativa all’industria 4.0.

Premio e contributi Innovatori responsabili 2019

Ancora pochi giorni per presentare le candidature alla V edizione del Premio ER.RSI Innovatori Responsabili 2019, istituito dalla Regione Emilia – Romagna, nato per stimolare una visione integrata della sostenibilità, valorizzando le iniziative promosse sul territorio regionale da imprese, professionisti, associazioni, enti locali, scuole e università, che contribuiscono all’attuazione dei 17 obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. La scadenza per le iscrizioni è prevista alle 13.00 del 28 giugno.

Il Premio, che comprende otto categorie di partecipazione, si rivolge alle imprese di qualsiasi settore, dimensione e forma giuridica, iscritte al registro delle imprese, i professionisti, le Associazioni di imprese senza scopo di lucro, le Scuole secondarie di secondo grado, le Università, gli Enti Locali e le Camere di Commercio.

La cerimonia di premiazione pubblica vedrà anche l’assegnazione del Premio GED – Gender Equality and Diversity, un riconoscimento alle migliori iniziative sul tema delle pari opportunità di genere. Inoltre i progetti più originali e coerenti con gli obiettivi dell’Agenda 2030 saranno premiati con una menzione speciale.

Tutti i partecipanti saranno inseriti nell’elenco degli Innovatori Responsabili dell’Emilia-Romagna e i loro progetti andranno a comporre un volume, pubblicato sul sito ER-Imprese  consegnato negli eventi e attraverso i canali informativi della Regione.

Ulteriori progetti di innovazione, appartenenti ai soggetti iscritti alla V edizione del Premio, potranno essere presentati dal  15 ottobre al 15 novembre 2019, per accedere ai contributi a  fondo perduto previsti dal Bando per contributi per l’innovazione e la sostenibilità del sistema produttivo dell’Emilia-Romagna.

Per la  candidatura e per info: Sportello imprese, dal lunedì al venerdì 9,30 – 13,00 - tel. 8488002588;  imprese@regione.emilia-romagna.it.

Partita la prima edizione dei Summer Camp

Un’estate digitale, quella che è inziata ieri in Emilia – Romagna. Al via i due campus dedicati all’apprendimento delle competenze digitali e la programmazione.

Il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Modena e Reggio Emilia ospita, da ieri e per le prossime settimane, la sesta edizione del Summer Camp Ragazze Digitali. Settanta ragazze si confronteranno per un mese alla scoperta delle loro capacità di programmatrici. È un progetto organizzato dal Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” dell’Università di Modena e Reggio Emilia in collaborazione con l’associazione European Women Management Development (EWMD) con il supporto di diverse organizzazioni pubbliche e private.

Ieri, presso il Club Village & Hotel Spiaggia Romea di Lido delle Nazioni (FE), si è alzato il sipario su uno dei tre campus gratuiti per studentesse e studenti dai 12 ai 16 sulle discipline STEM (scienze, tecnologie, matematica, con un occhio aperto all’arte e alla creatività). In programma laboratori dedicati alla robotica, alla modellazione e stampa 3D, alla radio digitale, dall'esplorazione della realtà aumentata all'uso dei droni, alla creazione di musica e di opere d'arte digitali, con il supporto di strumentazioni all'avanguardia, ma anche attività ricreative a contatto con la natura

La seconda edizione si terrà sempre presso il Club Village & Hotel Spiaggia Romea di Lido delle Nazioni dal 17 al 21 giugno

La terza edizione del campus STEM invece sarà ospitato presso il Rifugio Lagdei di Bosco di Corniglio (PR) dal 9 al 13 settembre 2019.

L’iniziativa è promossa dalla Regione Emilia-Romagna con il supporto di ART-ER e in collaborazione con l'Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna, due campus gratuiti

Info: https://tinyurl.com/y2jseeo4

Il Data Usage Control: proteggere i dati digitali e la privacy degli utenti

Il tema della massiccia raccolta di dati online e del rischio di violazioni delle libertà individuali e un tema che continua a mantenere vivo il dibattito. Lo smartphone, il computer ma anche le telecamere di sorveglianza, registrano la nostra posizione, la nostra attività.

Una ricerca ha dimostrato che bastano 10 like su Facebook  per conoscerti meglio di un tuo collega, 70 di un coinquilino, 150 di un genitore o fratello e 300 del coniuge. Chi può accedere a queste informazioni, che utilizzo ne fa, dove finiscono i dati personali? Spesso gli utenti non hanno a disposizione gli strumenti per comprendere quanto possa essere importante nei suoi effetti e sempre più spesso dannosa l’utilizzo di questi dati finiti nelle mani sbagliate.

Il controllo e la difesa dei dati digitali sarà probabilmente il nuovo business ma è possibile proteggerli grazie al Data Usage Control.

I due strumenti standard per proteggere i dati sono la cifratura - la chiave per leggere quel dato - e l’access control – la verifica del possesso delle autorizzazioni a decifrare il dato. L’access control è però una verifica che viene fatta solo all’inizio, una volta entrati non c’è possibilità di “rimediare”.

La soluzione a questo problema è proprio il Data Usage Control, che consiste in una prima parte di verifica, come nell’access control, prima dell’accesso al dato, e un successivo meccanismo di monitoraggio che, una volta avuto l’accesso, verifica che siano rispettati i requisiti imposti durante l’utilizzo. Questo strumento permette un controllo continuo e la possibilità di bloccare il consumatore nel caso ci siano violazioni alla politica di utilizzo dei dati tramite la “revoca” che permette anche, eventualmente, di negare le successive richieste di accesso.

Il Data Usage Control può essere applicato anche ai dati dei dispositivi IoT e per proteggere documenti importanti , grazie alle politiche di regolamentazione della privacy contenuto dal GDPR, il data usage control può automatizzare la gestione dei dati e garantire agli utenti pieno controllo e protezione.

MOBILIT-ER - Mobilità locale intelligente in Emilia-Romagna

L’Emilia-Romagna è regione aperta, un territorio attrattivo e innovativo, sempre pronto a cogliere le sfide del futuro e affrontarle attraverso nuove tecnologie, competenze e passione.

Hub nazionale del Supercalcolo e dei Big Data, l’Emilia-Romagna vede nelle tecnologie dell’Intelligenza Artificiale il plus per lo sviluppo di nuovi progetti sostenibili e inclusivi.

La Regione Emilia-Romagna e ADER, Agenda digitale Emilia-Romagna con il supporto organizzativo di ART-ER, degli Spazi AREA S3 e LepidaScpA organizza, nell’ambito di R2B2019, l’HACKATHON MOBILIT-ER, che chiama a raccolta competenze da tutto il Paese per lo sviluppo di nuovi progetti d’impatto per la collettività.

Partendo dal dataset di quasi 3000 dati al giorno sui percorsi in tempo reale di bus e treni di 1000 linee appartenenti alle 5 aziende di trasporto regionali, i partecipanti dovranno ideare un’applicazione per smartphone, una web app o un servizio che fornisca previsioni di percorsi di mobilità ottimizzata, eventualmente integrando altre fonti con lo scopo di fornire nuove funzioni a vantaggio della sostenibilità ambientale e dei cittadini con difficoltà negli spostamenti.

I destinatari del progetto sono studenti universitari, neolaureati, dottorandi e dottori di ricerca, sviluppatori, esperti AI, esperti in Big Data, Data Scientist, che riuniti in team (per un numero massimo di cui, 3 sono team provenienti da imprese, altri sono composti da liberi professionisti o studenti universitari, 30 sviluppatori totali), si contenderanno il premio di 5000 euro assegnato al progetto più meritevole.

Il challenge sarà supervisionato da un gruppo lavoro, che definirà i processi di sviluppo, formato da rappresentanti di Regione Emilia-Romagna, ART-ER Scpa e Lepida Scpa

Un advisor board  supporterà le decisioni strategiche e lo sviluppo dei processi definiti dal Gruppo di Lavoro. Del board fanno parte rappresentanti di Regione Emilia-Romagna, ART-ER Scpa, Università di Bologna e Università di Modena e Reggio Emilia 

LA GIURIA DEL CHALLENGE è composta da rappresentanti di Regione Emilia-Romagna, ART-ER Scpa e Lepida Scpa

Parteciperanno all’Hackathon MOBILIT-ER 6 Team, 30 sviluppatori in totale, Di cui, 3 sono team provenienti da imprese, altri sono composti da liberi professionisti o studenti universitari

 

Programma

  • 6 giugno 9.30-17.30 - Acquario Hackaton MOBILIT-ER - Spazi AREA S3

I team potranno lavorare ai propri progetti basati all’interno di un “acquario” nello spazio espositivo della Regione e di ART-ER/Spazi AREA S3

 

  • 7 giugno 9.30-12.00 - Acquario Hackaton MOBILIT-ER - Spazi AREA S3

Completamento dei progetti e predisposizione della presentazione alla giuria

12.00-13.00 - Acquario Hackaton MOBILIT-ER - Spazi AREA S3

Presentazione dei progetti alla giuria in una pitching session dentro l’acquario

- entro le 15.00 - Acquario Hackaton MOBILIT-ER - Spazi AREA S3

Analisi e selezione del progetto premiato dalla giuria

 

- Ore 16.00 SALA 1

Premiazione alla presenza di:

Raffaele Donini, Assessore ai trasporti, reti infrastrutture materiali e immateriali, programmazione territoriale e agenda digitale - Regione Emilia-Romagna

Palma Costi, Assessore alle attività produttive, piano energetico, economia verde e ricostruzione post-sisma - Regione Emilia-Romagna

Patrizio Bianchi, Assessore a coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, scuola, formazione professionale, università, ricerca e lavoro - Regione Emilia-Romagna

Scadono il 24 maggio le iscrizioni al MOBILIT-ER, il primo hackathon nazionale sulla mobilità sostenibile

Ancora pochi giorni per iscriversi a MOBILIT-ER, il primo hackathon nazionale sulla mobilità sostenibile che sfiderà esperti e organizzazioni a sviluppare progetti con impatto sulla collettività e sui trasporti dell’Emilia-Romagna, in programma il 6-7 giugno 2019 al 14° Salone Internazionale della Ricerca industriale e delle Competenze per l’Innovazione (BolognaFiere, Padiglione 33).

Le dieci squadre partecipanti ((min 3 max 6 persone x team) dovranno ideare un’applicazione per smartphone, una web app o un servizio che fornisca previsioni di percorsi di mobilità ottimizzata, partendo da un dataset sul posizionamento in tempo reale dei mezzi del trasporto pubblico regionale, mai condiviso prima e messo a disposizione dalle 5 aziende di traporto della Regione Emilia - Romagna: TPER/SETA/START/TEP/FER. Un dataset di circa 3.000 "set di dati" al giorno per ogni azienda di trasporto, che registrano lo spostamento di bus e treni di 1000 linee che circolano su percorsi con più di 30.000 fermate.

In palio 5000 euro che saranno assegnati al miglior progetto presentato.

 Le candidature chiuderanno il 24 maggio alle ore 15.00

Info su: https://www.rdueb.it/rdueb19/pages/hackathon_mobilit-er

Campus estivi Carovana STEM

Aperte fino al 23 maggio 2019 le iscrizioni ai campus estivi residenziali gratuiti per promuovere le competenze STEAM tra le studentesse e gli studenti dell'Emilia Romagna.

Tra mare e montagna per un’estate dedicata all’apprendimento delle competenze digitali legate alle discipline STEAM (scienze, tecnologie, matematica, con un occhio aperto all’arte e alla creatività): è la nuova iniziativa promossa dalla Regione Emilia-Romagna con il supporto di ART-ER e in collaborazione con l'Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna, due campus gratuiti per studentesse e studenti dai 12 ai 16 sulle discipline STEAM (scienze, tecnologie, matematica, con un occhio aperto all’arte e alla creatività).

Il Club Village & Hotel Spiaggia Romea di Lido delle Nazioni (FE) https://www.spiaggiaromea.it/it-it/home.aspx  ospiterà il primo campus dal 10 al 14 giugno 2019, il secondo invece sarà ospitato presso il Rifugio Lagdei di Bosco di Corniglio (PR) http://www.rifugiolagdei.it/ dal 9 al 13 settembre 2019.

Un programma ricco di attività, dai laboratori dedicati alla robotica, alla modellazione e stampa 3D, alla radio digitale, dall'esplorazione della realtà aumentata all'uso dei droni, alla creazione di musica e di opere d'arte digitali, con il supporto di strumentazioni all'avanguardia, ma anche attività ricreative a contatto con la natura.

Ogni campus potrà avere un numero massimo di 30 studenti partecipanti, residenti in Emilia Romagna, selezionati in base all’ordine di iscrizione di arrivo delle richieste di partecipazione.

Per iscriversi:

Campus spiaggia Romea - dal 15 al 23 maggio è possibile richiedere l’iscrizione compilando il modulo al link https://forms.gle/bBK9shWj9G4WwcVM9

Campus Rifugio Lagdei - modulo di richiesta disponibile a partire dal 1° al 30 giugno al link https://forms.gle/pMhYow3k8MVCpM8i9.

È possibile iscriversi ad un solo campus.

 

Per tutte le informazioni:

info.carovanastem@art-er.it

M. 349 493 8437 (dalle 13:00 alle 15:00 dal lunedì al giovedì)

MOBILIT-ER, il primo hackathon nazionale sulla mobilità sostenibile | 6-7 giugno 2019

R2B ospiterà MOBILIT-ER, il primo hackathon nazionale sulla mobilità sostenibile che sfiderà esperti e organizzazioni a sviluppare progetti con impatto sulla collettività e sui trasporti dell’Emilia-Romagna, in programma il 6-7 giugno 2019 al 14° Salone Internazionale della Ricerca industriale e delle Competenze per l’Innovazione (BolognaFiere, Padiglione 33).

La Regione Emilia-Romagna metterà a disposizione il proprio dataset sul posizionamento in tempo reale dei mezzi del trasporto pubblico regionale. Partendo da questo dataset i partecipanti al challenge dovranno ideare un’applicazione per smartphone, una web app o un servizio che fornisca previsioni di percorsi di mobilità ottimizzata. Il progetto potrà integrare altre fonti dati al fine di realizzare nuovi servizi digitali a vantaggio della sostenibilità ambientale e dei cittadini, particolarmente di coloro che hanno difficoltà negli spostamenti.


All’hackaton possono partecipare studenti universitari, neolaureati, dottorandi e dottori di ricerca, sviluppatori, esperti AI, esperti in Big Data, Data Scientist. Ogni gruppo potrà essere formato da un minimo di 3 a un massimo di 6 partecipanti con un “Principal Investigator” (PI) che sarà il referente del Team candidato.
Il progetto migliore si aggiudicherà il premio di 5.000 euro

Per partecipare è necessario compilare il form Application e successivamente caricare nel form Submission i documenti richiesti ENTRO IL 20 MAGGIO 2019 ORE 15.00.

Tutte le info su https://www.rdueb.it/rdueb19/pages/hackathon_mobilit-er/

Torna il World Plone Day, la giornata dedicata al CMS Plone

Torna il consueto appuntamento con il World Plone Day, la giornata dedicata al CMS Plone che la Regione Emilia Romagna ospita, quest’anno, per la nona volta, lunedì 20 maggio 2019, dalle 9.30 alle 13.30, in Sala Poggioli (viale della Fiera 8)
  • Quando il 20/05/2019 dalle 09:30 alle 13:30
  • Dove Sala Poggioli (viale della Fiera 8)
  • Aggiungi l'evento al calendario iCal

Tema di questa edizione sarà la Digital Experience: nei progetti digitali l'aspetto tecnologico è fondamentale ma non può prescindere dalle persone. Persone che progettano e realizzano sistemi e persone che li utilizzano.”

Il World Plone Day nasce con l’intento di far incontrare Enti e organizzazioni pubbliche e private al fine di confrontarsi non solo sulle soluzioni tecnologiche quanto sulle proprie esperienze, sui progetti sviluppati e sui risultati ottenuti, sia nell’ambito del sito Web che dell’Intranet.

L’evento è realizzato in collaborazione con RedTurtle, storico partner della Regione per la tecnologia Plone, che presenterà anche alcuni progetti e iniziative realizzate nell’ultimo anno.

Interverranno:

  • Sara Turra (Regione Emilia Romagna) - "Dietro le quinte dei siti RER"
  • Irene Capatti e Massimo Azzolini (Giallo Cobalto) - "Progettare esperienze: è tutta una questione di valore "
  • Marisa Cortese, Mauro Amico (Università di Bologna) - "I siti dei Corsi di Laurea dell'Università di Bologna: tradurre la complessità."
  • Francesca Fughelli, Mauro Amico (Università di Bologna) - "Plone per l'Archivio Storico dell'Università di Bologna"
  • Stefano Marchetti (RedTurtle) - "Stato dell'arte di Plone: verso Plone 6".

Ad arricchire il programma anche gli interventi di Matteo Francavilla (Dasein), Serena Soldati (Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII) e Giorgio Marchetti (Mamami Digital).

Al termine dell’incontro sarà dedicato uno spazio ai lightning talk: brevi presentazioni di alcuni minuti in cui raccontare un'esperienza, un tema interessante o proporre un argomento di discussione da proseguire al termine della conferenza.

La partecipazione è gratuita, previa registrazione.

A breve sarà possibile consultare il programma completo sul sito www.plonegov.it

EmiliaRomagnaWiFi diventa “EmiliaRomagnaWiFi wifiprivacy.it”

La rete WiFi regionale cambia nome: Regione Emilia-Romagna provvederà progressivamente alla modifica del SSID (nome della rete WiFi) da “EmiliaRomagnaWiFi” a “EmiliaRomagnaWiFi wifiprivacy.it”, per rendere note, con la massima trasparenza, le modalità di trattamento dei dati personali.

EmiliaRomagnaWiFi è la rete pubblica regionale WiFi presente, con oltre 6700 punti, in piazze, stazioni, ospedali, biblioteche, sedi comunali ed in generale luoghi aperti al pubblico che consente l’accesso ad Internet in modo gratuito. L’accesso alla navigazione non necessita di autenticazione ed è disponibile 24 ore su 24, tutti i giorni. Il servizio si appoggia sull'infrastruttura della rete Lepida a banda ultra larga. Un accesso alla navigazione semplice, veloce e senza bisogno di registrazione e attivazione, attivo 24 ore su 24, tutti i giorni.

La gestione del servizio richiede il trattamento di alcuni dati che identificano i dispositivi collegati al WiFi, per questo è richiesta agli utenti la presa visione dell'Informativa per il trattamento dei dati personali raccolti durante l'uso del servizio EmiliaRomagnaWiFi rilasciata ai sensi dell’art.13 del Regolamento europeo n. 679/2016 (GDPR).

Da qui la necessità di una modifica che implicherà la necessità per l’utente di collegarsi al nuovo SSID EmiliaRomagnaWiFi wifiprivacy.it al fine di agevolare la lettura della pagina informativa senza turbare la navigazione e il funzionamento di app o applicativi.

Tutte le informazioni alla pagina https://digitale.regione.emilia-romagna.it/emiliaromagnawifi/wifiprivacy

“QUI le idee diventano realtà", il titolo della seconda edizione del concorso spot video dedicato ai beneficiari del Fondi europei Por Fesr 2014-2020

Prorogata al 20 maggio 2019 la scadenza per inviare gli spot video sui progetti avviati grazie ai Fondi europei

Il concorso è aperto a imprese, startup, enti locali, professionisti, centri di ricerca che, grazie ai fondi, hanno realizzato progetti, prodotti, servizi e innovazioni che hanno portato benefici al territorio e alle comunità.

Per candidarsi basta registrarsi online e inviare entro il 13 maggio 2019 un numero massimo di due spot video di massimo 90 secondi ciascuno, che testimoniano l’originalità del progetto e i risultati positivi per la comunità.

Il progetto raccontato in ciascuno dei due video deve essere stato avviato entro il 31 dicembre 2018 e può essere candidato in una delle otto categorie del concorso, corrispondenti agli ambiti settoriali S3: agroalimentare, meccatronica e motoristica, edilizia e costruzioni, energia e sviluppo sostenibile, industrie della salute e del benessere, industrie culturali e creative, innovazione nei servizi, big data.

I vincitori saranno premiati il 6 e 7 giugno 2019 a Bologna in occasione del 14° Salone Internazionale della ricerca industriale e delle competenze per l’innovazione R2B Research to Business. Gli spot video premiati saranno trasmessi negli spazi regionali in fiera e, fino al 31 dicembre 2019, i video che avranno ottenuto il maggior numero di like e di visualizzazioni sul canale Youtube Fesremiliaromagna saranno messi in evidenza sui canali social e web della Regione.

È necessaria la registrazione online

 

 I materiali del concorso


Modulo di iscrizione online al concorso spot video Io investo 

Regolamento di partecipazione al concorso  (pdf503.32 KB)
Rettificato all'art. 3 con determinazione 6795 del 15/04/2019 (pdf503.32 KB)

Informativa sul trattamento dei dati personali  (pdf365.28 KB)

 Immagine da inserire alla fine del video  (jpg119.9 KB)

 Modello di liberatoria  (docx23.96 KB)

E' responsabilità del partecipante al concorso acquisire la liberatoria relativa a beni e/o persone presenti nello spot video, come precisato all'articolo 12 del Regolamento.

 

 

Per info:

infoporfesr@regione.emilia-romagna.it 

Sportello imprese dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 13.00, tel. 848.800.258

 

Azioni sul documento

ultima modifica 2021-03-17T17:10:43+02:00
Questa pagina ti è stata utile?

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina